Funzione Q-Watt: misura della Potenza reale


Tutti i termoregolatori in commercio, compresi quelli termoregolatori SICEM, modulano la Potenza Erogata ai riscaldatori su base percentuale, dallo 0% (riscaldatori non alimentati) al 100% (tensione di alimentazione di Rete inviata continuamente ai riscaldatori, senza interruzioni). Convertire la percentuale di Potenza erogata in Watt effettivi non è semplice, in quanto occorre conoscere la potenza dei riscaldatori collegati. La funzione Q-Watt, presente nei termoregolatori SICEM modelli MH 3600 "Power" e MC 3800 "Cluster", non solo risolve questo problema, ma consente anche l'implementazione della funzione HPM di segnalazione dei guasti.

La Potenza Effettiva che i termoregolatori erogano ai riscaldatori non è facile da misurare, in quanto dipende dalla Potenza Nominale dei riscaldatori stessi, dalla Potenza Percentuale erogata e dalla Tensione di Rete. I termoregolatori SICEM modelli MH 3600 "Power" e MC 3800 "Cluster" dividono il problema in due fasi:

  1. Misura della "Potenza Normalizzata" dei riscaldatori collegati (per Potenza Normalizzata si intende la potenza che i riscaldatori erogherebbero se fossero alimentati per il 100% del tempo alla tensione di rete di 230Vac).
  2. Calcolo della potenza erogata ai riscaldatori in base alla loro Potenza Normalizzata, alla Tensione di rete misurata, e alla Potenza Percentuale erogata.

La misura di cui al primo punto dell'elenco potrebbe in teoria essere sostituita da un'impostazione manuale, all'interno di ciascun modulo, del valore della potenza complessiva dei riscaldatori collegati.
Qui sopra è mostrato un tipico riscaldatore a cartuccia, con i due dati di targa principali:

  • Voltaggio (o tensione di lavoro, V): è il massimo valore che può essere applicato al riscaldatore (anche se i costruttori di solito ammettono una certa tolleranza), altrimenti se ne rischia il danneggiamento.
  • Wattaggio (o Potenza, W): è la Potenza che il riscaldatore emetterebbe se fosse continuamente alimentato al suo Voltaggio di targa (ad esempio, il riscaldatore mostrato da 230 Volt / 1000 Watt, se alimentato continuamente a 230V, dovrebbe appunto erogare 1000W).

Il Wattaggio reale del riscaldatore connesso a un termoregolatore si può discostare dal dato di Targa a causa di tre motivi:

  1. Tolleranza: il Wattaggio reale del riscaldatore di solito cade in un intervallo del ±10% rispetto al suo valore di targa (es. il Wattaggio effettivo di in riscaldatore da 1000W può essere compreso fra 900W e 1100W).
  2. Deriva: il Wattaggio di un riscaldatore si riduce circa dell' 1% ogni 100°C (un riscaldatore da 1000W a 25°C riduce la propria potenza a circa 970W a 325°C).
  3. In più, non tutti i riscaldatori hanno il Voltaggio di targa pari a 230V: in questi casi occorrerebbe fare una conversione da una tensione all'altra.

La funzione Q-Watt dei termoregolatori SICEM modelli MH 3600 "Power" e MC 3800 "Cluster" automatizza il processo di misura verificando i valori di corrente e tensione erogati, in modo da ottenere il valore di "Potenza Normalizzata" che serve per tutti i calcoli interni. Si tratta di una misura fatta in tempo reale, che quindi tiene conto delle possibili fluttuazioni dovute al tempo e alla deriva termica (il valore ottenuto viene poi utilizzato dalla funzione HPM di segnalazione dei guasti ai riscaldatori).
Il valore misurato di Potenza Normalizzata viene utilizzato, assieme ai valori di Potenza Percentuale erogata e di Tensione di rete di alimentazione, per il calcolo della Potenza effettivamente erogata ai riscaldatori. I termoregolatori SICEM modelli MH 3600 "Power" e MC 3800 "Cluster" sono infatti in grado di mostrare i seguenti dati:

  • Potenza Normalizzata dei riscaldatori collegati (Watt equivalenti a 230V)
  • Potenza Percentuale Istantanea (*)
  • Potenza Percentuale Media (*)
  • Potenza Effettiva Istantanea (Watt)
  • Potenza Effettiva Media (Watt)
(*) Questi dati sono mostrati da tutti i termoregolatori SICEM

L'ultimo dato dell'elenco è utile per valutare il consumo energetico medio del sistema d'iniezione: facendo la somma dei valori mostrati da tutti i moduli, per ogni zona della camera calda e per ogni iniettore (o gruppo di iniettori), si ottiene un valore in Watt che è la somma di tutti i consumi elettrici del sistema d'iniezione.